La cura del prato – per un giardino perfetto, seconda parte

Pubblicato il 10 Luglio 2018

Per avere il prato perfetto, la sua manutenzione deve essere eseguita tutti i mesi in base alle necessità... oppure crei un giardino naturale con la pietra perenne e non pensi più a tosaerba, acqua e concimi. Sono Mr. Folende, l'esperto del giardinaggio fai da te. Le mie armi segrete sono le pietre, ottimi alleati contro i brutti giardini, ma, se preferisci il verde ai colori della pietra, oggi sono qui a stilarti un calendario di appuntamenti stagionali per avere sempre un prato bellissimo.

Se sei una persona che preferisce fare sport o riposare sul dondolo quando rientri dal lavoro, ti consiglio di non proseguire con la lettura, e di recarti subito in un punto vendita Folénde.

Una volta calcolati 3 sacchi al metro quadrato, potrai trasformare in completa autonomia il tuo giardino, e non pensare più alla cura e alla manutenzione del prato per tutto l'anno.

Se, invece, sei una persona a cui piace il verde e che ama sentire la morbidezza del prato sotto i piedi, continua a leggere l'articolo, e magari raggiungimi su Facebook per continuare a parlarne.

La semina per la manutenzione del prato

Prima di qualsiasi azione, hai scelto preventivamente il miscuglio di terriccio ideale per le tue esigenze?

Succede che chi si trasferisce in una nuova abitazione si trovi un'area verde già pronta, ma non adeguata per le proprie necessità. E allora spesso il rischio che si corre è che il giardino si rovini subito. Devi, invece, sapere che esistono diversi miscugli di semi e di concimi che ti aiutano a far crescere il manto erboso, poiché hanno caratteristiche e composizioni diverse in base a:

  • utilizzo che ne fai, se area dedicata al gioco per i tuoi bambini, oppure giardino rustico, o zona per lo svago del tuo animale domestico;
  • zona climatica in cui ti trovi, se hai un prato sempre al sole, o ombreggiato dalle piante o in una zona con bassa luminosità;
  • tempo che ci dedicherai, se hai pazienza e dedizione per la cura del verde, o se sei una persona frettolosa che non riesce a mettere questo hobby tra i prioritari.

Cerca quello più adatto alle tue esigenze, e scoprirai che non dovrai più perderci troppo tempo.

Quando concimare il prato

La cura del tappeto erboso dipende anche dalla costanza che si mantiene nel concimarlo. Infatti, aggiungendo il concime giusto, stagione per stagione, assicurerai all'erba del prato un colore uniforme, resistente alle avversità e sana nel tempo. Aggiungendo le sostante nutritive di cui ha bisogno lo proteggerai dalle malattie, dalle condizioni climatiche avverse e dalla ricrescita eccessiva.

  • La concimazione del prato in primavera inizia proprio a marzo, dopo aver provveduto alla risemina (come ti ho indicato sopra). In questi mesi va somministrato un concime a lenta cessione e ad alto contenuto di azoto per agevolare la ricrescita del verde.
  • La concimazione del prato in estate avviene soprattutto per rinverdire il tappeto erboso e va arricchito con potassio e ferro. Elimina in questa stagione il concime ad l'alto tenore di azoto, poiché il prato tenderà a crescere troppo, obbligandoti a più cicli di rasatura.
  • La concimazione del prato in autunno serve per prepararlo a difendersi dalle basse temperature invernali e dovrai aggiungere un concime a basso tenore di azoto. Si tratta dell'ultimo trattamento dell'anno, poiché in inverno non dovrai più praticare la concimazione.

Quando tagliare l'erba del giardino

Per avere il giardino perfetto l'erba del tuo prato va tagliata ogni 10 giorni circa.

  • In primavera il taglio dell'erba deve essere ad un'altezza che va dai 3 ai 5 cm, in base all'utilizzo (3 cm se il giardino è di tipo decorativo, 5 cm se invece è dedicato al gioco).
  • In estate l'altezza dei fili d'erba non dovrebbe essere inferiore ai 5 cm, poiché la temperatura dei raggi solari potrebbe altrimenti seccarlo e fargli perdere il colore. Inoltre, la rasatura andrebbe effettuata nelle ore serali, sempre per evitare che venga rovinato velocemente dal calore.
  • In autunno è importante continuare con la rasatura consueta per preparare il manto erboso alla primavera. Per l'ultima rasatura va tenuto in considerazione mezzo centimetro in meno, poiché in caso di nevicate su steli troppo alti, rischi di ammalare il prato.
  • In inverno il taglio dell'erba non è richiesto, poiché cresce poco o per niente. In questa stagione è però importante eliminare le foglie secche che ci cadono sopra, in modo da garantire al manto erboso la giusta esposizione alla luce ed evitare che assorba troppa acqua.

Il calendario del giardiniere per la cura del prato è ricco di appuntamenti ma se sei un vero appassionato, il tempo che dovrai dedicarci non ti peserà, anzi ne trarrai sicuramente beneficio e soddisfazione.

Ma io sono qui soprattutto per aiutare chi desidera avere il giardino perfetto a poca manutenzione. E se appartieni a questa categoria, naviga un po' il sito, e capirai subito che sono la soluzione ai tuoi problemi di giardinaggio.



Vuoi ricevere tanti consigli su come migliorare
il tuo giardino e scoprire tutte le nostre novità?

Iscriviti